Micrometri

Il micrometro è uno strumento con il quale è possibile eseguire misure esterne, interne e di profondità con approssimazione fino a 0,001 mm.
Gli elementi esterni di un micrometro vengono realizzati in acciaio inossidabile, con superfici satinate o cromate, per evitare riflessi durante le misurazioni. Inoltre, per assicurare una lettura corretta, il materiale viene indurito con trattamenti superficiali, al fine di ridurne l’usura.
Nei micrometri è sempre presente un dispositivo di bloccaggio, in quanto il serraggio dell’oggetto può produrre forze di compressione notevoli, che possono compromettere il pezzo o la correttezza della misurazione. Per evitare ciò questi strumenti sono dotati di frizioni che limitano la forza applicabile, scattando quando la forza applicata supera 1 kg.

Micrometro standard o per esterni
Questo strumento è costituito da un arco termoisolato alle cui estremità sono situati due cilindretti coassiali, uno fisso (incudine) e uno mobile (asta di misura). All’altro capo dell’arco è fissata una bussola graduata, filettata internamente, nella quale viene imboccata l’asta di misura, anch’essa filettata. All’estremità esterna di quest’asta è fissato il tamburo, graduato sul bordo interno. A ogni giro di tamburo quindi vi è un avvicinamento o un allontanamento dell’asta pari di solito a 0,5 mm. La lettura dei millimetri di apertura del micrometro avviene sulla scala fissa graduata realizzata sulla bussola, utilizzando come indice il bordo interno graduato del tamburo. I campi di misura dei micrometri generalmente sono 0-25 mm, 25-50 mm, 50-75 mm, 75-100 mm.

Micrometro per interni
Questo strumento è utilizzato per eseguire misure interne a partire da 25 mm (1 pollice), come la larghezza dell’interno di un pezzo o il diametro di un foro di grandi dimensioni. Il dispositivo di lettura è identico ai micrometri per esterni, ma privo di arco e incudine. Per trovare i punti corretti per la misura di un diametro interno di grandi dimensioni, si procede inserendo e facendo oscillare lo strumento radialmente e assialmente. Per misurare un diametro utilizzando un micrometro per interni dotato di due/tre punti di contatto, è necessario che questi vengano appoggiati alla parete del foro, in quanto permettono l’allineamento automatico dello strumento all’asse del foro. I punti di contatto possono essere rivestiti di carburo o titanio per aumentare la resistenza all’abrasione.

Micrometro di profondità
Questo strumento è utilizzato per rilevare la profondità di cave e gradini, ed è strutturato come un micrometro esterno privo di arco e incudine e con scala di lettura in senso inverso. La superficie inferiore della base costituisce il piano di riferimento da cui parte la misurazione, che aumenta ruotando il tamburo in senso orario, mentre l’asta di misura avanza attraverso la base. Durante l’uso, la base del micrometro deve essere costantemente premuta contro la superficie di riferimento, per evitare errori nella misurazione.

Micrometro digitale
Questo strumento prevede il montaggio sul corpo di un indicatore elettronico digitale che rileva lo spostamento dell’asta di misura. I display sono realizzati con risoluzione 0,001 mm e possono disporre di numerose funzioni, quali l’azzeramento della lettura in un punto arbitrario, ad esempio per eseguire misure di tipo incrementale, il passaggio da pollici a mm e viceversa premendo un pulsante, il settaggio arbitrario di una quota e la possibilità di scaricare e archiviare dati su un PC. Altri vantaggi legati all’utilizzo dei micrometri digitali sono la facilità di lettura, la risoluzione superiore e la possibilità di interpretare il risultato in modo rapido e preciso.

Menu