Blocchetti

I blocchetti pianparalleli o di riscontro sono campioni a facce, cioè campioni di lunghezza accurati e pratici aventi superfici opposte planari e parallele entro cui è definita una certa lunghezza. Possono essere in millimetri o in pollici, e avere forma rettangolare o quadrata.
Mentre i set standard contengono blocchetti fino a 100 mm (4 pollici), quelli superiori a questa misura sono detti blocchetti lunghi e possono arrivare a 1000 mm (40 pollici).
I blocchetti sono progettati per permettere, all’interno del campo del proprio set, la costruzione di qualsiasi dimensione con il minimo numero di pezzi, ma sono disponibili in tutte le misure anche singolarmente.
Per rispondere all’usura dell’acciaio temprato di cui sono normalmente realizzati i blocchetti, che ne riduce la precisione, questi possono essere realizzati anche in zirconio-ceramica, materiale estremamente resistente a usura e rottura, ma anche a umidità e acidi, oltre ad aderire perfettamente a piani e blocchetti in acciaio e carburi. L’utilità di questi strumenti infatti è data soprattutto dal fenomeno dell’adesione reciproca, grazie al quale una pila di blocchetti può essere maneggiata come fosse un’unità singola senza che si disgreghi (le forze adesive tra i blocchetti possono raggiungere i 300 N). L’adesione inoltre aumenta in modo direttamente proporzionale a planarità e finitura superficiale (levigatezza). In particolare i blocchetti in ceramica offrono: resistenza alla corrosione da parte di agenti chimici, resistenza a graffi, resistenza all’abrasione, resistenza a urti e cadute, stabilità dimensionale (non si deformano nel tempo), identificazione precisa, amagneticità ed elevata forza di adesione.

Tamponi

I tamponi (o calibri fissi a tampone) vengono utilizzati, grazie all’alta precisione che li caratterizza, per testare la misura e la geometria di un foro o per verificare che le dimensioni di un pezzo rientrino nei limiti di tolleranza previsti.
I tamponi infatti sono realizzati con i due estremi di dimensioni diverse, corrispondenti ai limiti di tolleranza. Affinché un foro superi il controllo, il tampone PASSA deve entrare nel foro fino al suo limite di misura inferiore, mentre il tampone NON PASSA non deve entrare nel foro al relativo limite di misura superiore.
Il tampone PASSA inoltre testa sempre la MMC, cioè la condizione di massimo materiale.
Le misurazioni tramite questi strumenti sono semplici, rapide, economiche ed estremamente efficaci in quanto i tamponi vengono realizzati in acciaio temprato e cromato, molto resistente e indeformabile, con tolleranza H7.

Anelli

Gli anelli (o calibri ad anello) sono strumenti utilizzati a coppie e in misure specifiche per la prova PASSA/NON PASSA di un particolare albero e per controllarne la tolleranza. L’anello PASSA infatti avrà un diametro maggiore rispetto all’anello NON PASSA, che avrà un diametro minore.
In base alla loro applicazione, questi strumenti si differenziano in anelli lisci e anelli filettati: mentre i primi sono in grado di controllare solo le dimensioni (diametrali), i secondi controllano il passo e l’accoppiamento di filettature esterne.
Le caratteristiche che identificano una coppia di anelli di alta qualità sono eccellenti rotondità, cilindricità, ortogonalità insieme ad un’eccellente finitura superficiale del foro.
Vengono realizzati in acciaio temprato e successivamente cromati per migliorare la resistenza all’usura e proteggerli dalla corrosione.

In generale quindi i parametri che possono essere controllati con queste diverse tipologie di calibri PASSA/NON PASSA sono:

  • Dimensioni e profondità di fori
  • Diametri esterni (alberi)
  • Lunghezze e spessori
  • Filettature esterne e interne
  • Fori e alberi scanalati
  • Smussi
  • Raggi
  • Angoli
Menu